Aperto tutti i giorni
dalle 5 alle 21.30
Melendugno
Via Settembrini, 33
Pasticceria nei dintorni di Lecce, Vernole, Calimera, Martano e Carpignano Salentino

Pasticceria il Capriccio è nei dintorni di Lecce. E’ a Melendugno che si trova nei dintorni di Calimera, Vernole, Torre dell’Orso e San Foca. Melendugno è in posizione strategica ed è anche nei dintorni di Martano, Carpignano Salentino e Otranto e di tutte le località nominate precedentemente. Pasticceria Il Capriccio è a Melendugno, in via Settembrini, non è difficile arrivarci. Venendo da Calimera basta proseguire verso mare, seguire le indicazioni per San Foca e Torre dell’Orso. Dopo il semaforo la pasticceria Il Capriccio ve la ritrovate sulla sinistra. Qui lo staff vi attende con il suo carico di leccornie e colazioni. Provenendo da Martano o Carpignano Salentino basta proseguire dritto e vi ritrovate al solito semaforo, svoltate a destra e la pasticceria Il Capriccio è sulla sinistra. Mentre per coloro che provengono da Lecce bisogna seguire le indicazioni per Calimera e prima del famoso semaforo la pasticceria il Capriccio è alla vostra destra. Così come coloro che arrivano da Torre dell’Orso o San Foca le indicazioni da seguire sono quelle per Calimera e poco dopo il viale alberato la pasticceria il Capriccio sarà alla vostra destra.

Cosa vi aspettate di trovare nella pasticceria Il Capriccio? Si va da sua maestà il Pasticciotto in due vesti, dolce e salato, alle colazioni con le sue varietà di cornetti, krapfen e brioche. Poi abbiamo la pasticceria mignon e i fruttoni. E se il dolce non vi piace? Non dovete fare altro che provare la nostra rosticceria. I primi rustici salentini escono dal forno già tra le 9 e le 10 del mattino, perchè abbiamo amici che fanno colazione con rustico e birra già dalle prime ore della mattinata.

Infine ci sono le torte e tutto ciò che passa nella fantasia infinita del nostro maestro pasticcere, Deviss D’Errico.

Sceglieteci venendo a trovarci.

Come fare una torta per Halloween e perchè si usano le zucche. Pasticceria Melendugno Lecce

Perchè si usano le zucche per Halloween e quali sono gli ingredienti della nostra torta a forma di zucca

Halloween si è ormai impossessata del Salento. Nella notte di domani, 31 ottobre, questa festa celtica, dedicata a tutti i santi, prenderà avvio in Italia e nel nostro territorio. La nostra pasticceria a Melendugno (Lecce) ha creato questo fantastico dolce a forma di zucca. Vi posso assicurare che sono veramente spaventose queste zucche fatte di pan di Spagna, crema e bagnate al cappuccino. Sono arancioni come vuole la tradizione di Halloween e la decorazione è stata realizzata dal nostro maestro pasticcere.

Ma come nasce la tradizione delle zucche di Halloween? Sapevate che prima delle zucche si intagliavano le rape? Noi italiani abbiamo fatto la conoscenza delle zucche, e io quando vedo questo ortaggio penso sempre a questa festa, grazie ai film americani e, in seguito, alle serie TV sempre statunitensi. La leggenda vuole che un fabbro irlandese sia riuscito a prendere in giro il diavolo e che la rapa fosse divenuta la sua dimora perché quando mori né l’inferno né il paradiso lo volle accogliere. Prima le rape e poi le zucche rappresentano le anime del purgatorio. Questo fabbro si chiamava Jack che incontrò il diavolo in un’osteria. Il diavolo voleva l’anima di Jack che convinse il diavolo a trasformarsi in una moneta in cambio di un’ultima bevuta. Poiché Jack era sia furbo che bugiardo ingannò il diavolo e si bevve anche la moneta in cui il diavolo si era trasformato. Dieci anni dopo il diavolo si ripresentò da Jack, ma questa volta non riuscì a raggirare il diavolo che lo condannò alla dannazione eterna dentro la rapa prima e la zucca poi.

Buona festa di Halloween a tutti.